fotoGV moldavia 2018

La medicina del dolore amplia i propri confini


Nell'ambito di un ampio programma educazionale che si sta portando avanti in Europa, la Fondazione Paolo Procacci sta contribuendo in modo significativo, stimolando eventi e partecipando a moltissimi di essi con il sostanziale apporto del proprio presidente. In questa occasione, il tema generale del dolore acuto è stato discusso a Chisinau (Moldavia), il 23 e 24 novembre alla presenza di oltre 300 partecipanti, tutti estremamente interessati all'argomento.

L'entusiasmo dimostrato dai presenti è garanzia di un sicuro sviluppo della Medicina del Dolore in quel Paese. I partecipanti erano prevalentemente Medici di famiglia, ma anche ortopedici, reumatologi, anestesisti. In particolare quest'ultimi, egregiamente rappresentati dal Prof. Adrian Belîi, hanno sottolineato la necessità di un maggiore scambio culturale fra la parte dell'Europa in cui l'interesse nei confronti dei pazienti con dolore è già sentito e quella in cui ancora (purtroppo) esiste poca sensibilità. La maggiore attenzione ai pazienti sofferenti è un pre-requisito essenziale a che la Medicina del Dolore possa essere sviluppata. Per questo, anche i media hanno contribuito a dare risalto all'evento. Ne fa fede un servizio televisivo trasmesso su tutti i canali, durante il TG della sera, in cui sia il Prof. Belîi che il Prof. Varrassi rilasciano importanti dichiarazioni a proposito. Quest'ultimo, in particolare, ha ricordato come in Italia, dopo una ampia campagna di sensibilizzazione delle forze politiche si sia riusciti a ottenere una legge che determina chiaramente le reti assistenziali per i pazienti con dolore e/o bisognosi di cure palliative.

Link alla videointervista

9 dicembre 2018

Contatti

Fondazione Paolo Procacci onlus
Via Tacito 7 - 00193 Roma
Email: info@fondazioneprocacci.org