icona social

Perché i medici dovrebbero occuparsi di più di social media e salute sul web?

Se lo chiedono in molti professionisti, sebbene siano in molti a sminuire, a ragione o a torto, quella che pare essere ormai una realtà di fatto, confermata anche dal recente 51° Rapporto Censis.

Tra i nuovi miti di oggi i social network sono al primo posto per i giovani under 30, poco dopo, con tre punti di distacco, c'è il posto fisso. Il primo posto dei social network permane anche tra i 30 e i 44anni, però con uno scarto di circa 1 punto percentuale rispetto al posto fisso, e passa al secondo posto solo nell'immaginario collettivo del gruppo di età compreso tra 45-64 anni, dove il 42,1% ritiene più importante il posto fisso, rispetto ai social network, 28%.
Whatsapp è usato dall'85,8% dei giovani tra i 14 e i 29 anni, Facebook dal 79,9%; questo a fronte di un dato, per la popolazione totale, del 65,7% di utenti Whatsapp e 56,2% di utenti Facebook.
Non abbiamo ancora risposte alla domanda del titolo ma sicuramente abbiamo capito che c'è da ragionarci su, raccogliendo un po' di dati utili per capire meglio come si è evoluto il pensiero di medici e pazienti su questo strumento di comunicazione.
Per saperne di più leggi l'articolo pubblicato sulla rivista Il Mio Dolore. Clicca qui
Lorenza Saini
10 gennaio 2018

Contatti

Fondazione Paolo Procacci onlus
Via Tacito 7 - 00193 Roma
Email: info@fondazioneprocacci.org

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per conoscere tutti gli aggiornamenti in tempo reale.




Joomla Extensions powered by Joobi